39° IAAF Grand Prix Meeting

IL TEMPIO DEL MEZZOFONDO

Come sempre molto, in termini di risultati, si aspetta dalle classiche distanze del mezzofondo. In queste ultime ore c’è stata la gara a trovare un posto in corsia, fino a costringere l’organizzazione a mettere in piedi due serie di 800 metri maschili, una affollatissima gara dei 1500 (al momento sono 17 gli iscritti, contro i 15 “raccomandati” dalle regole Iaaf), un 1500 femminile e un 3000 maschile in cui tutti arrivano a caccia di grandi riscontri cronometrici. Sandro Giovannelli ha dichiarato di puntare, se le condizioni ambientali saranno ottimali, alla miglior prestazione mondiale (1.43:09 ottenuto dal sudanese Kaki a Doha a inizio stagione) dell’anno sugli 800. All’ultimo momento in una lista di partenti che vede al via il podio di Berlino al completo, si è aggiunto anche il keniano David Lekuta Rudisha, vincitore nelle due tappe della Golden League di Zurigo e Bruxelles. Altro prestigioso arrivo dell’ultima ora è quello di Augustin Kiprono Choge, primatista stagionale dei 1500 metri (3:29.47) che si cimenterà sui 3000 metri.